D come Donna

venerdì 30 gennaio 2015

RICETTA DELLE GRAFFE NAPOLETANE

 Le graffe sono delle ciambelline fritte, a base di farina e patate, tipiche della tradizione napoletana.
Sono un dolce tipico del Carnevale, ma le possiamo trovare e gustare tutto l'anno in ogni angolo d'Italia.
Noi vi proponiamo la ricetta tipica che prevede l'utilizzo delle patate e vi consigliamo di gustarle calde, che sono ancora più buone! 


Ingredienti:
300 gr di farina 00
200 gr di patate 
70 gr di burro
2 uova 
latte q.b.
2 cucchiai di zucchero semolato
20 gr di lievito di birra
la buccia di 1 limone grattugiato
1 pizzico di sale 
zucchero semolato o a velo per la copertura

Preparazione:
Mettete a bollire le patate con tutta la buccia. Se utilizzate la pentola a pressione ci vorranno circa 10 minuti dopo il fischio, altrimenti una 40 di minuti facendole bollire normalmente. Scolatele, spellatele e passatele allo schiacciapatate un paio di volte.
Disponete la farina a fontana su una spianatoia. Aprite le uova all'interno della fontana, quindi mettete il burro a pezzetti, le patate schiacciate ancora tiepide, lo zucchero, il pizzico di sale e la buccia del limone grattugiata.
Cominciate ad impastare aiutandovi con una forchetta, rompendo le uova e aggiungendo poca farina alla volta. Quando l’impasto avrà cominciato ad assumere consistenza, aggiungete il lievito di birra, sciolto in due dita di latte tiepido. Impastate il tutto, fino a quando l’impasto non risulterà liscio e omogeneo. Qualora dovesse essere ancora bagnato aggiungete un po' di farina, al contrario se dovesse essere troppo secco aiutatevi aggiungendo del latte.
Formate una palla con l’impasto e ponetelo a lievitare in una ciotola in un luogo caldo, coprendolo con un panno e lasciatelo lievitare finché non raddoppierà di volume. Ci vorrà più o meno un’oretta.
Passata la fase di lievitazione, staccate una pallina dall'impasto, rotolatela sulla spianatoia infarinata fino a formare una strisciolina di circa un 1,5 cm di spessore. Tagliatela ad una lunghezza di circa 10/12 cm e ricongiungete le due estremità a formare una ciambella (la graffa). Adagiatela su una teglia foderata di carta da forno. Fate attenzione a non farle troppo piccole perché lievitando il buchino della ciambella potrebbe scomparire! 
Continuate a formare le graffe con l'impasto rimanente e depositatele sulla carta forno.
Copritele con un canovaccio e lasciatele lievitare finchè non raddoppieranno di volume.
Friggete le graffe in abbondante olio di arachide o di oliva e giratele una volta per farle cuocere su entrambi i lati. Scolate con l'aiuto di una schiumarola e fatele asciugare su carta assorbente.
Passatele poi nello zucchero semolato oppure cospargetele con dello zucchero a velo.

Nessun commento:

Posta un commento